martedì 11 settembre 2012

Reinterpretazioni

Ultima Cena Globalizzata
Da appassionata studiosa aderente all'ala cospirazionista degli eventi che accaddero l'undici Settembre 2001 non posso non notare che oggi sulla TV non è previsto nessun documentario sul World Trade Center o sulla serie di eventi che accaddero quella mattina.
Un anniversario in tono minore, se si pensa che solo un anno fa in TV trasmisero contemporaneamente più documentari dalla mattina alla sera tardi, e se si pensa che a Ground Zero non saranno presenti politici.

Comunque se siete interessati all'argomento potete trovare documentari completi su Youtube: per iniziare vi consiglio Inside The World Trade Center, un documentario che analizza gli eventi dalla prospettiva di chi si trovava all'interno delle torri, mentre se volete qualcosa di più analitico vi consiglio un documentario con tutti i filmati integrali registrati la mattina dell'undici Settembre a Ground Zero. Un documentario di tipo cospirazionistico è Zero Hour. Trovate un mio post sull'undici settembre qui.

The Sphere
Ora, nel post di oggi vorrei parlarvi di una scultura, Ultima Cena Globalizzata, reinterpretazione del capolavoro di Leonardo da Vinci, un'opera di Antonio Paradiso realizzata con l'acciaio della struttura esterna delle torri del World Trade Center. E' stato veramente un onore per questo artista italiano aggiudicarsi questo materiale, concesso dalla Port Authority di New York che gestiva le Torri Gemelle a pochi tra gli artisti che lo richiedevano. Questo è quello che ha detto Antonio Paradiso approposito della sua opera: (fonte)
"Avevano la funzione di sorreggere la struttura, ma nell’hangar riposavano orizzontali, imitando le anime di chi con loro ha lasciato la vita.
L’ultima cena globalizzata o contemporanea è lo tsunami economico mondiale tra economie emergenti in cerca di assestamento. Il Cristo della nuova ultima cena non è uno, ma sono tremila morti, che lanciano un monito, un avvertimento per l’intera umanità."

Un'altro pezzo dell'ex World Trade Center è proprio The Sphere, che faceva parte della fontana della Plaza sottostante alle due torri.
The Sphere era un'opera dell'artista Fritz Koenig che doveva rappresentare la pace: il giorno degli attacchi è sopravvissuta al crollo del WTC1, WTC2 e WTC7, e ora rappresenta l'indistruttibile spirito della nazione americana.
Questa sfera ora si trova al Battery Park, non molto lontano dal sito del World Trade Center: dalla foto potete notare infatti la Freedom Tower e le sue gru, la torre più alta del nuovo World Trade Center.

Nessun commento:

Posta un commento