martedì 28 ottobre 2014

Paris Day #02 - Bonjour Paris


Gates from the Palais de Justice

October 19th

 If there is someone who is early rising among me and Michela it is definitely Michela, who at 6am has already written me like twenty messages - I read and get back to sleep. Anyway the first to woke up was me, because I had been thinking the entire night about the market which we had to find. Frank had circled the nearest markets on a map, but I was terrified by Paris after the experience of the night before. Michela heard I was moving and woke up. She asked me what time it was: 9:30am. Shit!
 We didn't have anything to make a breakfast with, except for half a bottle of water for two and some sandwiches. I preferred not to eat. I saw Frank's map and found the nearest market. It seemed easy, we just needed to go straight on.

 Sunday mornings in Paris seems like Sunday mornings of the rest of the world: few cars, people going jogging, stores closed and people walking their dogs. Compared to the night before it seemed another city. I turned back and saw the Notre Dame on the background, just to check if it still was there. I couldn't wait to visit it.
It was warm, I was wearing a skirt and a sweater. We walked a few minutes and finally saw it: a Carrefour right ahead us. I got the suspect that Carrefour was French and wondered if it was just a case that the market we were going to was French. Than I remembered that French are famous for their nationalism and sighed. We took our things and left.

 After some time I realized that I couldn't really find the Rue Chapon: we got lost again. 
"You only had to go straight on", I said to myself. I checked the map and saw that there were three streets near the market and we had taken the parallel. 
A boy of our age with big headphones stopped us and asked us something. I told him to use English and luckily he knew it. He said something with "lighter", so I translated it to Michela, who lent him her lighter. I don't smoke. I took the opportunity to ask him how to get to the Rue Chapon and he replied to turn right. "I can take you there if you don't mind", he said. And they say French are bitchy! I was quite sure that we had to turn left anyway, so I thanked him and said good-bye.

 The boy with big headphones was right: we had to turn right. Once we had found someone who actually knew streets I had fucked him off. Great. We left our things home and went to the Ile de la Cité.

 By our sides there was the Hotel De Ville, the "simple" Paris City Hall. We crossed the bridge and got to Notre Dame. Gothic style is my favorite one and seeing something gothic in real life makes his effect. The first thing I looked to were the gargoyles, who inspired the famous cartoon which I used to watch when I was younger. I even had toys with them. The passion for gothic and nichilism is like innate to me. I promised myself to look for the streaming at home and got inside the church.

 In the Notre Dame there was a strong smell of incense. I looked ahead and I felt a dizzy shiver caused by the height of the church. Why don't we have similar constructions? I looked to the columns and impressive windows and a touch of gothich was given by a group of childs singing carmina buranas. Seemed like to be in Hogwarts, or in the Middle Age which can potentially become my favorite historic period.

 As I got out there was a big Charles The Great statue. But nobody gave a fuck about him.

 We walked along the Ile de la Cité and got to the famous Pont Neuf. A crap, if I have to be honest, but it was worth seeing it because it is the oldest bridge in Paris, even if they call him the "new bridge". There were a lot of padlocks, like in Ponte Milvio, which made me smile as I tought of all those couples who broke up after locking them. Anyway they made the bridge seemed gilded so I didn't mind them.

 We casually found the Sainte Chapelle. I remembered that Rocco, my grandpa's friend, insisted for us to visit it, so we got inside. One guy from the security, as he saw that we were Italian, started talking in our language, asking us if we had guns, bombs or whatever. We looked at him and laughed.

 The inside of the Sainte Chapelle was more than magic. People are wrong saying that the Notre Dame is the most beautiful church in Paris. On the first floor there was a minor chapel, but as you got upstairs you got astonished by all the tall windows of the church, going from blue to pink. I bought a souvenir for Rocco to thank him.

 Walking across the island I succeeded in finding the flowers and birds market. I had even planned to visit the island on Sunday because I wanted to see it. They sell literally everything: canaries, parrots, doves, ducks and what's more there were two free chickens which didn't move from their cages. I would have loved if also Verde, my parrot, stayed like that, since he is always flying around my apartment. I missed him by the way, and I wondered if he would still had been alive when I got back home.

 We walked up to the Ile saint-Louis, which was not that special, and Place de la Bastille. Personally, I love history so it was a very special place to me, even if there is not left from the ancient building, except for its foundation, which can be seen from the underground. I didn't find it but anyway I will when I will return to Paris. We were too tired to look for them so we got back home.

 In the afternoon I decided to get back to the Pompidou square, since the night before we didn't really look at it. It was full of painters and singers, but also alternative guys who may love contemporary art. For what concerns me I don't know anything about it. Mea culpa.

 I decided not to get back to the Rue Beaubourg but to explore the near lanes. Obviously I got lost. 
Anyway getting lost is not always bad: there it was, a Starbucks, right next to me. I convinced Michela to get in and ordered a Frappuccino. She took an American coffee which she didn't like.

 We found back our way and went for the Louvre. I stared at the Palays Royal as I was thinking of all those kings who lived there before Versailles was built. It doesn't look too bad as a house, that bastard of Richelieu indeed made this his house.
The Sun was fading, and the Louvre was more beautiful than ever. It took less than 5 minutes to be dark and I took advantage of that magical moment to take photographs in one of the most iconic places in the world.


-------
19 Ottobre

 Se c'è una mattiniera tra me e Michela quella è decisamente Michela, che alle sei di mattina di solito mi ha già scritto venti messaggi - io li leggo e torno a dormire. Tuttavia la prima a svegliarsi sono stranamente io, perché per tutta la notte non ho fatto altro che pensare a trovare un supermercato. Frank ce ne ha segnato qualcuno su una cartina, ma dopo l'esperienza della sera precedente Parigi mi terrorizza. Michela sente che mi sto muovendo nel letto e si sveglia di soprassalto, chiedendo che ore sono: le nove e mezza. Cazzo!

 Non abbiamo niente per fare colazione, solo mezza bottiglia d'acqua in due e tanti panini al prosciutto. Preferisco rimanere digiuna. Guardo la cartina di Frank e trovo il supermercato più vicino. Sembra facile, dobbiamo solo andare dritto.

 La domenica mattina a Parigi ha l'aria della tipica domenica mattina nel resto del mondo: poco traffico, gente che va a correre, negozi chiusi, signori che portano il cane a spasso e una tranquillità surreale. Rispetto alla sera precedente sembra davvero un'altra città. Mi giro e guardo il Notre Dame da lontano per controllare se sia ancora lì, non vedo l'ora di visitarlo. 
Fa caldo, io indosso una gonna plissettata e un maglioncino leggero. Camminiamo per due minuti e finalmente lo vediamo: un Carrefour proprio davanti a noi. Sospetto che Carrefour sia una catena francese e mi chiedo se non sia un caso che abbiamo beccato un supermercato francese. Poi penso alla fama di nazionalista che ha questa nazione. Sospiro. Prendiamo le cose che ci servono e ce ne andiamo. 

  Dopo un po' mi rendo conto di non riuscire a trovare la Rue Chapon: ci eravamo di nuovo perse. "Eppure dovevi andare solo dritto", mi rimprovero. Controllo la cartina e vedo che al punto in cui c'era il supermercato arrivano tre diverse strade e che avevamo imboccato la parallela alla Rue Beaubourg. 
Un ragazzo della nostra età con delle cuffie giganti ci ferma e ci chiede qualcosa. Lo guardo e gli dico di usare l'inglese. Fortuna che lo conosce e nomina il "lighter", che sarebbe l'accendino. Traduco a Michela e lei gliene passa uno. Io non fumo. Visto che sto ne approfitto per chiedere della Rue Chapon, e mi risponde che si trova alla nostra destra. Io credevo fosse a sinistra. "I can take you there if you don't mind", mi dice. E poi dicono che i francesi sono stronzi! Tuttavia ripenso a quanti francesi la sera prima mi hanno fatto sbagliare strada, lo ringrazio e lo saluto.

 Il ragazzo con le cuffie invece aveva ragione: la Rue Chapon si trova proprio alla nostra destra. Una volta che avevamo trovato uno che sapeva la strade io l'ho pure mandato a cacare. Lasciamo le buste a casa e ci dirigiamo verso la Ile de la Cité.

 Passiamo davanti all'Hotel De Ville, il "sobrio" palazzo di città di Parigi, per arrivare sull'isola dove sorge il Notre Dame. Lo stile gotico è il mio preferito e vedere qualcosa di gotico dal vivo mi fa un certo effetto. La prima cosa che guardo sono i gargoyles, i doccioni del Notre Dame da cui è tratto il cartone animato che guardavo sempre da piccola. Ricordo che avevo anche i giochi a forma di gargoyles e mi rendo conto di come la passione per il gotico e il nichilismo sia presente in me da sempre. Mi riprometto di cercare il cartone in streaming a casa ed entro in chiesa.

 Nel Notre Dame c'è un forte odore di incenso. Guardo in alto verso e provo un brivido nell'ammirare la vertiginosa altezza della chiesa. Quanto vorrei che edifici del genere ci fossero anche da noi. Faccio caso alle colonne portanti e alle colonne decorative ricordandomi della spiegazione che aveva fatto Alberto Angela ad Ulisse. Le vetrate sono impressionanti e a dare un tocco ancora più dark al tutto c'è un coro di ragazzi che canta dei carmina burana. Sembra di stare a Hogwarts, o nel Medioevo, che potrebbe potenzialmente diventare la mia età storica preferita.

 Manco a dirlo appena usciamo c'è una statua gigante di Carlo Magno. Non la caga nessuno in verità, ma se penso ai ragazzi di Feudalesimo e Libertà mi viene un po' da ridere. I ragazzi di quella pagina sono dei fottuti geni, peccato che l'utente medio italiano di Facebook non sia alla loro altezza.

 Passeggiamo ancora sull'Ile De La cité e raggiungiamo il celebre Pont Neuf. Una vera cacata a dire la verità, ma vale la pena di vederlo perché è il ponte più vecchio di Parigi, anche se assurdamente si chiama Ponte Nuovo. Ci sono tantissimi lucchetti, in stile ponte Milvio, che mi fanno un po' pena se penso a quante coppiette si saranno lasciate da quando hanno attaccato il lucchetto. Da lontano però fanno sembrare che il ponte sia dorato, quindi sorvolo sul patetismo della situazione e legittimo la presenza dei lucchetti.

 Tra un vicolo e l'altro troviamo casualmente la Sainte Chapelle. Ricordo che Rocco, l'amico di mio nonno, aveva insistito tanto affinché la visitassimo, quindi convinco Michela ed entriamo. Ai controlli della sicurezza c'è uno che vede dalla nostra carta d'identità che siamo italiane e, quando controlla le nostre borse, ci chiede con uno strano accento se abbiamo "coltelli, pistole, granate, bombe a mano". Lo guardiamo e ridiamo divertite.

 L'interno della Sainte Chapelle va oltre il meraviglioso. Altro che Notre Dame, è questa la chiesa più bella di Parigi: al primo piano c'è una specie di cappella inferiore o cripta, dai motivi azzurri e dorati. Ma dopo aver salito una minuscola scala a chiocciola vieni colpito dalla chiesa vera e propria: altissima e piena di vetrate decorative che assumono un colore diverso a seconda della luce, in generale dal blu al rosa. Compro un souvenir a Rocco per avermi suggerito di visitarla.

 Camminando per l'isola riesco a trovare il mercato dei fiori e degli uccelli. Avevo programmato di vedere l'isola di domenica proprio in base a questi due mercati, attivi soltanto la domenica. Vendono davvero di tutto: canarini, polli, pappagalli, colombi e la cosa assurda è che ci sono due galline teoricamente libere, ma in che pratica non si muovono di un millimetro dalle loro gabbie. Vorrei che anche Verde, il mio pappagallo, fosse così: lui non sta mai fermo e a dire il vero mi manca un po'. Mi chiedo se sopravviverà una settimana a casa con i miei o se morirà di fame prima del mio rientro.

 Arriviamo fino all'Ile Saint-Louis che a dire il vero non mi sembra nulla di che e saliamo fino a Place de la Bastille. Per me che amo la storia è una piazza molto importante, anche se dell'antica Bastiglia non rimane null'altro che il perimetro tracciato sulla strada. Ricordo che Alberto Angela aveva detto che se si scende nella metro si possono vedere le fondamenta, perciò scendo ma non trovo nulla. Riproverò quando tornerò a Parigi, ora siamo troppo stanche. Prendiamo la metro e torniamo a casa.

 Nel pomeriggio decido di ritornare sulla piazza del Pompidou, perché la sera prima non lo avevamo degnato di uno sguardo. E' pieno di pittori e cantanti, ma anche di ragazzi alternativi probabilmente affascinati dall'arte contemporanea. Per quanto mi riguarda io di arte contemporanea non so assolutamente nulla. Mea culpa.

 Decido di non tornare sulla Reu Beaubourg ed esplorare le stradine interne. Ovviamente mi perdo. Tuttavia perdersi non sempre è un male e infatti camminando mi giro e per caso lo vedo: uno Starbucks! Mi fermo e convinco Michela ad entrare. Per i miei lettori stranieri devo chiarire che in Italia non abbiamo Starbucks, per una questione di principio decisa dall'azienda, perciò all'estero è bene approfittarne. Io mi prendo un Frappuccino al cioccolato e Michela un caffè americano che non le piacerà.

 Ritroviamo la strada maestra e ci dirigiamo verso il Louvre. Ammiro il Palays Royal e penso ai re che hanno vissuto qui prima che Versailles fosse costruita. Non sembra poi così male come casa, infatti poi Richelieu in epoca assolutistica farà di esso la propria residenza.
Ormai il Sole sta tramontando e al tramonto il Louvre è ancora più bello. In cinque minuti diventa sera e io dispongo forse del momento più bello della giornata per fotografare una delle piazze più iconiche del mondo.


Hotel de Ville

Notre Dame

Hotel Dieu, near the Notre Dame

Inside the Notre Dame

Inside the Notre Dame

Charles the Great statue

Pont Neuf

Sainte Chapelle, first floor

Sainte Chapelle, second floor

Palais de Justice, near the Sainte Chapelle

Flowers market

Birds market

Pont Saint Louis

Place de la Bastille

The Pompidou

Palais Royal

The pyramid

Palais Royal

The pyramid


Nessun commento:

Posta un commento