venerdì 31 ottobre 2014

Paris day #05 - Versailles girls



October 22nd


 You can't avoid being fascinated by the Palace of Versailles when you are studying French absolutism. Even European kings and queens built their homes on its base, as we see in Italy and Germany. On Wednesday I would finally visit the famous palace, which was home to of Louis XIV, Louis XV and Louis XVI with his famous wife Marie Antoinette.
 We took the RER C and got out at Chateau de Versailles. I stopped at Starbucks, which is located just outside the station (damn!), to take a caramel macchiato and a pan au chocolat. Then we entered the palace through a very sober golden gate.

 The first wing of the castle was the one with rooms of some noble ladies who lived at court. The furniture was of course in a baroque style and the view was on the garden in the back.
The second wing was the most "artistic", because there were copies of famous paintings, and among them the most known was of course the "Coronation of Napoleon" by David (the original one is in the Louvre), but also busts of men as Napoleon, Descartes, and some French kings and illuminists. I found the references to Napoleon really ironic and symbolic, an irony that maybe few will be able to understand.
The third wing was the most interesting, because it passed through the bedrooms of the rulers and the famous hall of mirrors, where you could see everybody taking selfies. Interesting was also the study of Louis XIV, especially if you think it was the room where the three French wars of expansionwere decided and the Edict of Nantes was revoked. All stuff you study at school ar for the Modern History exam, in my case.

 Challenging the French cold and rain, we left the castle and headed to the gardens: I really wanted to see Marie Antoinette's farm. I ignored the existence of the Grand and Petit Trianon palaces, located in the garden, but they are crap compared to the lovely Hameau de la Reine, the farm indeed. The colors are really beautiful and after visiting it I thought I should add Marie Antoinette to the list of my fashion inspirations. You know I'm old inside..

--------
22 Ottobre

 Impossibile studiare l'assolutismo francese senza rimanere affascinati dalla Reggia di Versailles. Gli stessi sovrani europei costruirono le loro dimore sulla sua base, di cui esempi abbiamo in Italia e Germania. Mercoledì 22 finalmente anche io avrei visitato la famosa reggia, dimora di re famosissimi come Luigi XIV il re Sole, Luigi XV e Luigi XVI con la celebre moglie Maria Antonietta d'Austria. 

 Prendiamo la RER C e scendiamo alla stazione Chateau De Versailles. Faccio tappa a Starbucks che si trova esattamente all'uscita della stazione (maledetti!) per prendere un caramel macchiato e un pan au chocolat ed entriamo nella Reggia, attraverso un sobrissimo cancello dorato. 

 La prima ala del castello che visitiamo è quella con le stanze di alcune nobildonne che vivevano a corte. L'arrredamento è barocco e le finestre danno sull'enorme giardino che si trova nel retro. 
La seconda ala invece è quella più "artistica", poiché sono presenti copie di quadri famosissimi di cui il più noto è sicuramente "L'incoronazione di Napoleone" di David (di cui l'originale si trova al Louvre), ma anche busti di personaggi celebri come appunto Napoleone, Cartesio, re e illuministi francesi vari. Ho trovato veramente ironici ed emblematici i riferimenti a Napoleone nella Reggia, un'ironia che spero riusciate a cogliere anche voi.
La terza ala è quella più interessante, perché si passa per le camere da letto dei sovrani e il famoso salone degli specchi, in cui tutti si fanno le selfie. Interessante è stato anche lo studio di Luigi XIV, soprattutto se pensate che è quella la stanza in cui sono state decise le tre guerre di espansione della Francia ed è stato revocato l'editto di Nantes. Tutta roba che si studia a scuola e per l'esame di Storia Moderna, nel mio caso.

 Sfidando freddo e pioggia francesi, usciamo dal castello e ci dirgiamo verso i giardini: volevo assolutamente vedere la fattoria di Maria Antonietta. Ignoravo l'esistenza del Grand e Petit Trianon, palazzi minori situati nel giardino, che tuttavia non reggono il confronto con la Hameau de la Reine, la fattoria appunto. I colori sono davvero bellissimi e dopo averla visitata penso che dovrò aggiungere Maria Antonietta alla lista di fashion inspirations. Lo sapete che sono vecchia dentro. 















Nessun commento:

Posta un commento